You are not logged in.

Dear visitor, welcome to Last Chaos Forum. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Kanon

Retired Teammember

  • "Kanon" is male
  • "Kanon" started this thread

Posts: 1,667

Date of registration: 21. August 2014

Thanks: 61

  • Send private message

1

Monday, 8. February 2016, 20:54

Intervista a Scimitar parte 1

Quoted

Buongiorno Signori, Signore e Irisiani!

Ci capita molto spesso che durante le nostre chiacchere in gioco venga fuori il discorso sul come abbia ottenuto il lavoro nell'industria del gaming. Quindi ho deciso di organizzare questa chiaccherata con il nostro caro Capo del Product Management di Last Chaos, Kings and Legends e War2Glory.
Ecco quindi un piccolo assaggio del lavoro svolto dal nostro capo. Vi introduciamo Scimitar, il nostro caro PM!

Domanda: Da quanto tempo fai parte del mondo del gaming?
Risposta: Beh, la risposta che riceveresti nel nostro bugtracker sarebbe specificare "fare parte" e "gaming", ma non penso che questa sia la risposta che cerchi, giusto?

In realtà non ricordo bene quando ho iniziato a giocare ai videogame. Infatti non ho mai avuto una console da gaming. Neanche un GameBoy. Il mio primo computer è stato un Aple II con un monitor monocromatico verde che era capace di far girare un gioco d'avventura ASCII chiamato "The Castle". Niente click o altro... dovevi scrivere cosa volevi fare come ad esempio aprire una porta e dovevi sperare che fosse una delle opzioni predefinite che il gioco avrebbe capito. Un'esperienza migliore è stata successivamente con il Comodore C64. Aveva qualcosa di speciale: i colori!
Qualche anno dopo ho avuto un PC 286. Non solo aveva i colori, ma aveva persino un tasto che incrementava la velocità del sistema. Aveva 16MHz e un hard drive da 32mb per installare programmi e giochi.

Quando mi laureai al liceo abbiamo cercato di creare il proprio gioco d'avventura punta e clicca relazionato alla nostra classe e scuola. Non lo abbiamo finito in tempo... però saltiamo per alcuni anni in cui ho giocato a giochi offline. Il mio primo gioco online è stato Regnum Online, un gioco gamigo di cui sono venuto a conoscenza tramite una rivista videoludica. Non mi aspettavo molto da un gioco free-to-play, ma l'ho provato perché mi piace il suo genere. Però vi posso dire che mi ha preso bene, aggiungerei anche velocemente. Poi un giorno ho ricevuto una newsletter dove veniva comunicato che la gamigo aveva lanciato un nuovo MMO (si, google è vostro amico, quindi cos'è veramente un MMO?) chiamato Last Chaos. E l'ho provato... e ho subito pensato: che schifo è questo? solo controllo con il mouse? Non devi mirare ma cliccare sempre? Così cominciai a chiedere a destra e a sinistra, cercando di trovare come funzionasse tutto. Alla fine la community mi ha insegnato di più nei primi giorni che il gioco stesso.

Iniziai a giocare il gioco nel Febbraio 2008 e quindi diventai sempre più dipendente. Iniziai con una canaglia ai tempi sull'unico server tedesco chiamato Katar. Mi sono unito a una gilda e mi sono fatto amici.. e direi anche nemici. Un giorno trovai delle persone "fuori di testa" con delle pigiama blu e rosa che lucicavano. Scoprì così che c'era anche un forum. E guarda un po', cercavano un'altra persona "fuori di testa" che indossasse unpigiama blu... cercavano me!
Così ad Agosto diventai un Game Master nello stesso anno in cui Gamigo lanciò altri server. La cara amica Lady Thora all'epoca disse al team di Game Master che gamigo stesse cercando per un assistente per il team del productmanagement. E così mandai la candidatura. E' così che ho iniziato a lavorare nel mondo dei videogame nel Aprile 2009.

Domanda: Cosa ti ha spinto a voler il lavoro che hai ora?
Risposta: Non posso dire rileggi la prima domanda? No? Va bene. Allora, possiamo dire che l'esperienza che ho avuto durante il mio periodo da GameMaster è stato abbastanza schiacciante. Gestire un gioco è molto più interessante che giocarci. Inoltre mi piaciono le sfide in generale, una buona pozione di creatività, psicologia, matematica... oh si, la matematica è bella.
Ho studiato tutto quanto in precedenza... ma ancora meglio è l'informatica. Quello aggiungendo il lavoro ad un software che non serve solo per il lavoro di un'assicurazione, ma bensì per un gioco era un'idea migliore.

Domanda: Che titolo di studio serve per diventare PM?
Risposta: Non posso dire con certezza che titolo di studioserve per questo lavoro. Se mettiamo a confronto come è il Product Management nei libri e come è in un'azienda videludica, possiamo osservare che sono totalmente diversi. Come ho già menzionato in precedenza serve avere delle conoscenze in matematica e logica, e soprattutto le conoscenze della gestione aziendale in generale. Ti devi ricordare che esiste la punteggiatura e un titolo academico non sarebbe male, ma non è importante. Però penso che la cosa più importante sia avere cura del proprio lavoro e che si vuole ottenere un buon funzionamento delle cose.

Domanda: Hai ancora un po' di tempo per giocare ai videogiochi?
Risposta: Si, possiamo dire che è parte del lavoro. Giocare dei giochi diversi non è solo divertente, ma è anche un modo per avere dell'ispirazione. Non puoi vendere un videogioco se non giochi ai videogiochi. Però vi posso garantire che lavorare con un gioco tutto il giorno ti toglie il tempo di giocare ad un altro videogioco al pomeriggio. Però qualche volta lo faccio lo stesso e il mattino dopo me ne pento. ;) Sono ancora buon amico (ovviamente con il pg privato) con alcuni dei più grandi disturbatori della nostra community, ma ovviamente loro non lo sanno.Domanda: Chi è il vero capo in realtà? Tu o il team di sviluppo?
Risposta: Non ci sono capi. Siamo appaltatori con il team di sviluppo. Loro non interferiscono con il nostro lavoro e loro...beh... noi interferiamo molto con il loro, però non così tanto da chiamarci capi. E' soltanto questione di discussioni in modo da farci capire cosa è meglio fare per avere successo a lungo termine con il nostro prodotto. Ci sono sempre centinaia e migliaia di cose che potrebbero essere fatte. Abbiamo le stesse intenzioni, ma qualche volta una buona intenzione non è abbastanza. Le cose possono sempre andare male da entrambe le parti, ma non è importante discutere su chi ha sbagliato quanto riparare a tale errore velocemente. Purtroppo questo non funziona spesso, ma questa è un'altra storia.


Domanda: Come lavori in una giornata media?
Risposta: Una cosa che mi piace di questo lavoro è non avere un lavoro fisso di solito. Abbiamo molte cose su cui lavorare e diversi compiti che dipendono dai risultati degli altri compiti. Naturalmente ci sono cose fatte di fretta come ad esempio parlare con il team di sviluppo, verificare i ticket, discutere diversi argomenti con il mio team, ricevere il feedback da alcuni dipartimenti, lavorare sui tool dove c'è bisogno, assicurarsi che i server di test vengano aggiornati in caso di patch e molto altro. Ovviamente non è questo quello che rende il lavoro interessante e stimolante. I videogiochi online sono un business in continua e veloce evoluzione. Dobbiamo essere veloci per avere successo. Alcune volte per esempio abbiamo diversi compiti da svolgere nello stesso tempo. Gestire un team che a sua volta gestisce altri 3 giochi con 8 lingue diverse in qualche modo lo fa essere stimolante. Devo inoltre dire che il team svolge un buon compito.


Questa intervista è più lunga del previsto, quindi ho deciso di dividerla in due parti. Restate sintonizzati per la seconda parte di questa intervista. Ovviamente questo sarà domani.


Grazie per la lettura,
Vilya
... scritta in inglese da Vilya (Community Manager of Last Chaos )
... tradotto in Italiano da Rudianos (Game Master di Last Chaos )
  • Go to the top of the page
  • Activate Facebook

Similar threads